COMUNICATO DEL PRESIDENTE DEL 9.11.2020

Ciao a tutti,  
vi scrivo in questo particolare momento sentendomi vicino ad ognuno di Voi e alle vostre care famiglie. La pandemia in corso, che si sta manifestando sempre più aggressiva, ci obbliga a vivere in uno scenario sempre più incerto ed in continua evoluzione, condizionando pesantemente le abitudini quotidiane di tutti noi. All’interno di questo contesto mondiale in progressivo sviluppo, il Collegio Maestri di sci del Trentino ha intrapreso un importante lavoro, in maniera da poter affrontare le delicate problematiche relative allo svolgimento della nostra professione. Con questo mio informale comunicato, mi preme aggiornarvi su ciò che è stato fatto riguardo alle operazioni inerenti alla prevenzione del contagio covid-19 e sugli ultimi sviluppi del nostro lavoro. Siamo partiti costituendo una nostra commissione denominata anti-covid19, composta da esperti e direttori di scuole di sci, cercando di analizzare e valutare i cambiamenti connessi a quest' emergenza. La commissione ha mappato tutte le varie attività offerte dalle numerose scuole sci e dai liberi professionisti, con l’obiettivo di fornire per ognuno di queste delle linee guida mirate al contenimento da covid-19. Nella fattispecie è stato creato un primo documento nella quale vengono riassunti tutte le misure anti-covid da adottare, estrapolate da diversi parametri in funzione di tutte le attività delle scuole di sci e successivamente condiviso, in un’apposita riunione con tutti i direttori. In una seconda fase, la nostra bozza di protocollo è stato oggetto di confronto sui tavoli di lavoro insieme alle altre realtà economiche del Trentino (impiantisti, albergatori, Apt, noleggiatori, rifugisti) unitamente ai vertici della Provincia di Trento e dell’Azienda Sanitaria Trentina. È per me motivo di orgoglio il fatto che questo documento presentato abbia ricevuto piena approvazione e condivisione dai dirigenti provinciali dell’Azienda Sanitaria Trentina, organo responsabile di certificare e rendere operativi sul territorio provinciale tali documenti/protocolli. Infine, il documento citato precedentemente è stato visionato dal Collegio Nazionale dei maestri di sci e dalla nostra associazione (Amsi), i quali hanno espresso la loro approvazione e con le dovute modifiche hanno deliberato di inserire tali norme nel protocollo anti-covid 19 delle Scuole di Sci Italiane e dei liberi professionisti. A breve il documento sarà oggetto di un’ordinanza del Presidente della Provincia di Trento e dovrà quindi essere adottato come linee guida da seguire scrupolosamente, affinché si limiti il contagio da covid-19 nell’espletamento della nostra professione. Sarà mia cura, appena ci sarà l’ufficialità, di fare una comunicazione sul nostro sito, in maniera da mettervi definitivamente a conoscenza. Nel frattempo i direttori, già in possesso di queste regole finali, si stanno organizzando per prepararsi al meglio riguardo all’imminente stagione invernale, informando in maniera approfondita tutti Voi, su quali comportamenti adottare. Appare comunque chiaro a tutti noi che sarà una stagione nuova, difficile e delicata. Mancando il mercato straniero, quantomeno nella prima parte della stagione, confidiamo nella tenuta seppur timida del mercato italiano, e vi confermo che le Istituzioni Provinciali adibite alla promozione e commercializzazione del prodotto Trentino sono pronte, preparate e partiranno con un piano di promozione a tappeto che andrà in onda su tutti i media nazionali nel momento in cui la situazione lo permetterà. Dovremo cercare di unire tutte le nostre forze per garantire un’adeguata deontologia professionale, che, unita alle specifiche competenze, capacità e all’impegno ci permetteranno di svolgere la nostra attività nel bel mezzo di questa emergenza. Dobbiamo essere pronti e dinamici, adeguandoci a questa incertezza e precarietà generale, consapevoli che l’andamento di molte cose sono causa purtroppo di forza maggiore. Infine, consentitemi ancora di ribadire con forza che la nostra integerrima condotta sia in pista che fuori, è il valore aggiunto e principale apprezzamento che ha sempre contraddistinto la nostra categoria, ricordandovi che comportamenti superficiali e/o negligenti da parte di uno di noi, ledono un intero settore. Ora più che mai, con la minaccia del covid-19 che incombe su di noi, sul nostro operato e sugli allievi che ci vengono affidati, la serietà, la responsabilità e la professionalità di tutti i maestri determina l’apertura o la chiusura delle nostre strutture nel caso in cui si riscontri il contagio originato nel nostro ambito.   Per quanto concerne le decisioni sui corsi di aggiornamento che molti di voi devono fare, comunicheremo a breve il programma, in base alla situazione che, come tutti sappiamo, è in continua evoluzione. In relazione alle altre cose fatte dal Collegio durante l’anno in corso vi rimando alla mia relazione stesa in occasione dell’Assemblea appena svolta e che pubblicheremo a breve sul sito.   Continuando a seguire l’evolversi dell’emergenza, in una fase delicata come questa, sarà mia premura cercare di tenervi aggiornati sulle novità che seguiranno.   Infine, come ultima raccomandazione, Vi chiedo di continuare a rispettare le prescrizioni e restrizioni emanate dal governo italiano per cercare di far fronte a quest’emergenza, augurandoci di poter tornare alla normalità quanto prima.
Un caro saluto a tutti voi.  
Il presidente  
Mario Panizza